EDILIZIA.TV
Rated 4/5 based on 98 reviews
?
^ Torna su
PAVIMENTI ESTERNI

Una pavimentazione per esterni, per conservarsi nel tempo, deve resistere a sbalzi termici, acqua e gelo. Numerosi sono i materiali che si possono usare per realizzarla.
Pavimenti esterni in materiali lapidei
Una pavimentazione per esterni, per conservarsi a lungo nel tempo, deve resistere a sbalzi termici, acqua e gelo e irraggiamento, solare e lunare.
Numerosi sono i materiali che si possono usare allo scopo, ma i più diffusi sono quelli naturali come pietra, granito e marmo.
Le pietre sono materiali durissimi e ingelivi, usati per esterni perché particolarmente resistenti agli agenti atmosferici.
Tra le pietre nostrane più diffuse vi sono i serizzi, di colore grigio con grandi cristalli bianchi, le beole, bianche, verdi o grigie, la pietra d’Istria, la pietra di Trani, i travertini, i quarzi e la pietra serena.
I graniti sono rocce dure e compatte, resistenti al gelo, agli sbalzi termici e alla luce.
Tra i più diffusi in Italia vi sono il granito di Biaveno, vicino Domodossola, il granito sardo, bianco o rosa e la sienite Biella.
I marmi sono invece pietre di origine calcarea più tenere e porose e quindi meno resistenti alle intemperie, alle abrasioni e alle macchie, per cui sono meno usati in esterni.
I marmi italiani più diffusi sono il Trani, quello di Carrara, il botticino, il rosso veronese, il lasa bianco, e i verdi provenienti dalla Val d’Aosta.
I marmi sono venati, mentre le pietre e i graniti sono generalmente di colore omogeneo o puntinati.
 
 
Pavimenti esterni in materiali ceramici
 
L’impasto di materiali come sassi, sabbie e pietrisco con acqua e leganti, oppure l’argilla cotta ad alta temperatura e fatta essiccare, permettono di realizzare materiali che hanno la stessa durezza e consistenza delle pietre.
Le ceramiche utilizzate in piastrelle, ad esempio, possono essere un ottimo prodotto per pavimenti esterni, perché sono antigelive, cioè resistenti a temperature inferiori a 0°, per evitare che si spacchino.
La superficie e la pasta devono essere compatte e non porose per evitare che l’acqua infiltrandosi possa ghiacciare e farle rompere.
Il cotto è un materiale poroso cotto in forno a temperature intorno a 1200°C.
Ha colori che vanno dal giallo paglierino al rosso fino al grigio.
La cottura a legna rende il materiale non opaco e ne evita la vetrificazione, rendendolo più resistente e quindi adatto in esterni.
 
Pavimenti esterni in materiali cementizi
 
Le marmette cementizie hanno uno spessore di 3 - 4 cm. Nel formato 50 x 50 sono spesso rifinite con ciottoli e pietruzze o hanno disegni a rilievo.Il notevole spessore permette di usarle per pavimenti flottanti o in terrazzi.
La posa avviene a secco su angolari in plastica che hanno lo scopo di tenere le marmette distanziate tra loro e dal sottofondo impermeabilizzato.
Quando piove l’acqua penetra nelle fessure tra le marmette e scivola sulla guaina impermeabilizzante fino agli scarichi. Così non è necessario predisporre uno strato di cemento per il sottofondo, e al tempo stesso, la manutenzione dello strato impermeabile è più semplice.
Il peso notevole rende questo prodotto molto stabile e fa sì che possa essere posato anche direttamente sul terreno.
I mattoni di cemento autobloccanti sono usati per pavimentare vialetti carrabili e parcheggi. Hanno spessori di ca. 7 - 8 cm e colori come grigio, giallo o rosso.
Si posano direttamente sul terreno o su un letto di sabbia e cemento.
Se sono provvisti di cellette cave si possono riempire di terra e piantumare con erba.
 
Pavimenti esterni in legno
 
Il legno generalmente non viene usato per esterni perché risente molto dell’umidità.
Ci sono però essenze che fanno eccezione, come il teak ed altri legni esotici simili.
Questi tipi di legni resistono all’acqua perché sono per loro natura impregnati di resine che li rendono idrorepellenti. Per evitare, però, che con il passare del tempo questi legni ingrigiscano, devono essere ingrassati con specifici prodotti che li proteggano.
I pavimenti in teak per esterni sono realizzati con una doppia orditura: una inferiore di supporto ed una superiore di finitura. Possono essere posati su un massetto cementizio o direttamente sul terreno.
Per esterni è meglio, infine, evitare il legno di pino. Questo legno è, infatti, molto nodoso e i successivi processi di bagnatura ed asciugatura tendono a far staccare i nodi.
 
Fonte: lavorincasa.it


CHIUDI
Informativa ai sensi della legge 30 Giugno 2003 N.196 e sue successive modificazioni: "Codice in materia di protezione dei dati personali".
Con la compilazione del modulo d'ordine, acquisite le informazioni di cui all'art.13 della legge 196/03, il cliente acconsente a mettere a disposizione i suoi dati personali che saranno utilizzati ai soli fini commerciali, fiscali, amministrativi e informativi inerenti la nostra attivita'.
Ai sensi della citata legge, Edilizia.Tv - Via Europa, 108, 31040 Giavera del Montello (TV) - tel. 0422.775465 - fax 0422.882380 - p.iva: 04452480264 , con riferimento ai dati personali acquisiti o che verranno acquisiti in relazione ai rapporti contrattuali intercorsi col cliente o a quelli che potranno esclusiva finalita' di poter svolgere in modo adeguato la propria attivita' economica; che i dati personali sono e saranno trattati in modo lecito, secondo correttezza e nel rispetto della citata legge, sia con sistemi informatizzati che cartacei; la raccolta dei dati personali ha natura obbligatoria, dovendosi dar corso anche agli adempimenti di legge fiscale; i dati potranno essere comunicati ad organizzazioni terze (banche, enti assicurativi, corriere espresso) esclusivamente per lo svolgimento del nostro rapporto e nell'ambito degli incarichi a noi conferiti; ai sensi dell'art. 7 della legge 196/03 ricordiamo inoltre che in ogni momento sara' possibile avere accesso ai propri dati personali, modificarli, cancellarli o opporsi al loro utilizzo scrivendo con posta raccomandata a:
Edilizia.Tv - Via Europa, 108, 31040 Giavera del Montello (TV) - tel. 0422.775465 - fax 0422.882380 - p.iva: 04452480264